Password dimenticata

Appuntamento a teatro

  • Il mercante di Venezia

    Il mercante di Venezia

  • Entremeses

    Entremeses

  • Arlecchino, il servitore di due padroni

    Arlecchino, il servitore di due padroni

  • Stomp

    Stomp

  • Attila

    Attila

  • Il barbiere di Siviglia

    Il barbiere di Siviglia

Motori accesi per l’avvio della nuova stagione teatrale 2016-2017 nei due principali teatri di Venezia: la Fenice e il Goldoni.

Ecco il meglio degli spettacoli che proprio non potete perdervi, selezionati per voi da Starhotels Splendid Venice!

Teatro Goldoni
La stagione si apre in grande stile il 19 ottobre. Lo Shakespeare’s Globe Theatre presenta, prima volta in Italia, la nuova versione de Il mercante di Venezia, con protagonista l’attore hollywoodiano Jonathan Pryce (fino al 21 ottobre).

Il Teatro de La Abadia di Madrid, porta in scena il Miguel de Cervantes degli Entremeses per la regia di José Luis Gómez (3-4 dicembre).

Giorgio Sangati accetta la sfida di dare nuove suggestioni a Arlecchino, il servitore di due padroni di Carlo Goldoni (23-27 febbraio).

Il 5 aprile, la Carolyn Carlson Company rende omaggio alla sua fondatrice, grande danzatrice e coreografa, portando in scena il suo trittico Short Stories (All that falls – Immersion – Mandala).

Chiudono la stagione gli Stomp, gruppo cult di ballerini-percussionisti-attori-acrobati che trasformano in sinfonia ritmica le sonorità della civiltà urbana (23-28 maggio).

Teatro La Fenice
La stagione si inaugura il 4 novembre 2016, a 50 anni dall’alluvione di Venezia.

Il teatro presenta una prima assoluta dal titolo significativo Aquagranda, opera commissionata dalla Fondazione a Filippo Perocco, tratta dal romanzo Acqua Granda di Roberto BianchinA dirigerla sarà Marco Angius con regia di Damiano Michieletto.

Dal 9 dicembre, si dipana il mega cartellone. Si inizia con Attila di Verdi, diretta da Riccardo Frizza, regia di Daniele Abbado.

Bellini è presente con La Sonnambula, diretta da Fabrizio Maria Carminat; Rossini con Il barbiere di Siviglia nell’allestimento Bepi Morassi e L’occasione fa il ladro, regia di Elisabetta Brusa; Donizetti con Lucia di Lammermoor, regia di Francesco Micheli.

Per il repertorio straniero, tre grandi titoli: Don Giovanni di Mozart, Tannhäuser di Wagner e Carmen di Bizet.

Il regalo finale è composto dal grande trittico che va in scena, per la prima volta a Venezia, a giugno: L’Orfeo (16, 17, 18 giugno), Il ritorno di Ulisse in patria (20 giugno) e L’incoronazione di Poppea (21 giugno).

Tra i direttori impegnati nella ricca stagione sinfonica figurano Yuri Termikanov (14, 16 ottobre), Jader Bignamini (18 e 19 novembre), Diego Matheuz (7 e 8 gennaio), Marek Janowski (27, 29 gennaio) e James Conlon alla guida dell’Orchestra Nazionale della Rai (21 maggio).

Infine, tre serate della compagnia di David Parsons (16-18 marzo) e la coreografia di Jean-Guillaume Bart de La bella addormentata di Čajkovskij (10-14 maggio).

×

Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all'impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie.
Maggiori informazioni