Password dimenticata

Emilia Gourmet

  • Massimo Bottura chef di Osteria Francescana

    Massimo Bottura chef di Osteria Francescana

  • Mercato Albinelli

    Mercato Albinelli

  • Antico Casale delle Vigne

    Antico Casale delle Vigne

  • Ristorante La Cesoia

    Ristorante La Cesoia

  • Marta in Cucina

    Marta in Cucina

  • Ristorante Le Giare

    Ristorante Le Giare

  • I due Gatti

    I due Gatti

  • ‘O fiore mio

    ‘O fiore mio

Starhotels Excelsior vi regala un itinerario gourmand nelle terre dell’Appennino, fra tradizione e sperimentazione culinaria.

Osteria Francescana (via Stella 22, Modena). Con a capo lo chef Massimo Bottura, è stato eletto il miglior ristorante del mondo. È il primo locale italiano a salire in vetta dei The World's 50 Best Restaurants, la classifica considerata una sorta di Oscar della gastronomia.

Franceschetta 58 (Strada Vignolese 58, Modena). Lo chef Bernardo Paladini propone pietanze creative. Da assaggiare il piatto 'Un’amatriciana a Modena': cipolla cotta nell’aceto balsamico, pecorino e una spolverata di Parmigiano.

Mercato Albinelli (via Albinelli 13). Mercato coperto storico di Modena, qui da un secolo i sapori tipici si incontrano con quelli del mondo.

Antico Casale delle Vigne (Str. Monticello 22, Parma). 60 ettari di vigneto dell’azienda vitivinicola Monte delle Vigne, qui Bellocchio ha girato una scena del film Fai bei sogni.

Ristorante La Cesoia (via Massarenti 90/2d, Bologna). Lo chef Pietro Montanari ha l’arte di trasformare il roseo cubetto lardellato in un marshmallow vegetariano al pomodoro e mozzarella.

Marta in Cucina (Vicolo del Folletto 1, Reggio Emilia). Marta Scalabrini inventa piatti dove la ricetta tradizionale è servita accanto alla sua reinterpretazione.

Ristorante Le Giare (via al Castello 368, Montenovo di Montiano). Nei piatti dello chef Gianluca Gorini, convivono sapori della tradizione contadina e coraggiose rivisitazioni gastronomiche.

I due Gatti (Strada Nino Bixio 76, Parma). Lo chef-piazzaioloMassimo Gatti porta sulla pizza il porcino di Borgotaro e il pregiato tartufo bianco e nero di Fragno.

‘O fiore mio (viale Mura San Marco 4/6, Faenza). Per gli chef Davide Fiorentini e Matteo Tambini, i prodotti a chilometro zero sono un dogma non solo per il condimento della pizza, ma anche per il suo impasto.

Ristorante Alexander (via Bassa del Pignataro 8, Ravenna). Lo chef Mattia Borroni propone piatti italiani, tra stampe di divi dello spettacolo e arredi liberty, in questo ex cinema-teatro degli anni Venti.

×

Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all'impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie.
Maggiori informazioni